British Columbia: informazioni pratiche e curiosità

Durante il  viaggio di rientro dalla British Columbia mi sono trovata a classificare una lista di punti per chi sta iniziando a pianificare il suo prossimo viaggio in questo splendido paese. Ecco una lista di informazioni pratiche, alcune magari scontate, altre un po’ più curiose.
Partiamo dalla più importante che serve per l’ingresso nel paese.

#1 – eTA – (Electronic Travel Authorization )
Per entrare nel paese avrete bisogno del eTA (Electronic Travel Authorization ) che potete ottenere in pochi minuti tramite il sito ufficiale https://www.canada.ca/en/immigration-refugees-citizenship/services/visit-canada/eta/facts-it.html.
Dovrete inserire i vostri dati ed il numero di passaporto, riceverete poi una email di conferma che vi dice che il vostro visto è stato accettato ed è linkato al numero del vostro passaporto.

L’eTA ha un costo di 7 dollari canadesi ed una durata di 5 anni e nel caso in cui dobbiate cambiare passaporto, perché scade o per qualsiasi altro motivo, dovrete rifarlo. Senza questo link infatti non è permesso il check-in.
E’ individuale pertanto bisogna compilare uno per ogni passeggero.
Attenzione è un visto turistico pertanto non permette di

  •  rimanere sul territorio canadese oltre il periodo consentito;
  •   svolgere attività retribuite.
  • non garantisce l’automatica ammissione in territorio canadese, che è lasciata alla discrezionalità delle competenti Autorità doganali e di frontiera.

#2 – Fuso orario :
In base a dove andate il fuso orario Cambia.
In British Columbia in luglio Agosto, in cui è in vigore l’ora legale, la differenza è di -9 ore rispetto l’Italia, mentre se vi spostate nello stato di Alberta ad esempio per visitare i parchi di Jansper e Banff, allora il fuso si riduce a 8.
In base allo stato in cui vi trovate fate attenzioni ai cambi di ora soprattutto se avete dei voli aerei da prendere.

#3 Costi + tasse + mance

scontrino.jpg

I costi  a listino nei locali non sono mai finiti, al prezzo che vedete vanno generalmente aggiunti il 6% di tasse ed il 15-20% di mance obbligatorie.

Lo scontrino in genere vi verrà presentato con le 3 suddivisioni quindi con costo del cibo+ costo tasse + mance, queste ultime sono calcolate sul costo base escluso le tasse. Più mangiate quindi più alta sarà la mancia da corrispondere.

A meno che non vogliate mangiare mattino, mezzogiorno e sera in una delle catene di fastfood che si trovano in tutto il paese, se volete mangiare qualcosa di diverso da hamburger con patatine preparatevi a spendere sui 40 dollari canadesi circa a persona (a pranzo/cena).

#3A – il vino (non so per voi ma per me è essenziale)

Al ristorante se volete un bicchiere di vino potete scegliere tra 2 unità di misura che sono 6 (1 bicchiere) o 9 once (con l’aggiunta) ma preparatevi a non spendere meno di 10/15 dollari canadesi per le sole 6 once (corrispondente a circa 11 €…mentre se volete una bottiglia preparatevi a non spendere meno di 50-60 dollari canadesi (a partire da) “a boccia”. 

Local Wine BC

Non mi spiego il perché di un costo così alto visto che comunque anche loro producono vino e anche di buona qualità. Se come me anche voi fate fatica a rinunciare ad un buon bicchier di vino a fine giornata, il mio consiglio è di andare in una delle winary (store dedicati alla vendita di bevande alcoliche) presenti nei vari village (centri commerciali alle uscite delle statali dove si raccolgono tutti i negozi/bar/benzinai) ed acquistare lì la vostra bottiglia.
Uscirete soddisfatti con la vostra bottiglia infilata nel classico sacchetto di carta che si vede nei film, visto che qui potrete trovare un’ampia scelta di tra vini, birre e liquori vari, ad un prezzo decisamente a portata di gomito (io ho preso 1 bianco locale a 14 dollari canadesi 11  circa).
L’acqua invece,  vi viene generalmente servita in tutti i locali senza doverla ordinare a meno che non la vogliate per forza in bottiglia.

37533614_10156520805260040_4915441584662642688_o

#3B le birre (essenziale quanto il vino)
Le birre invece sono più a buon mercato anche nei locali e sono piuttosto buone soprattutto se prendete quelle di produzione Canadese. Infatti in giro ci sono parecchi microbirrifici che producono birre artigianali di buon livello e le rivendono in tutta la regione.
Particolarmente buone le IPA dell’isola di Vancouver.

Vancouver IPA

#4 Strade e Benzina:
Potete fare benzina da soli inserendo la vostra carta di credito e digitando il pin ma attenzione dovete sempre pagare in anticipo. Selezionate quindi la quantità di benzina che volete, se il serbatoio si riempirà prima del limite che avete impostato, la differenza vi verrà data dopo. In un esempio pratico, se volete fare il pieno ma non sapete quant’è, anticipate 50 dollari, se ne fate solo 30 ve ne daranno 20 di differenza…dopo.
Ci sono 3 tipi di benzina (regular, special, super) in base alla qualità degli ottani, il prezzo espresso alle pompe è al barile ma il costo è di circa 1,56 dollari canadesi al litro.

La velocità massima sulle strade viene costantemente indicata, il max consentito sulle grandi superstrade è di 110 km/h e scende fino a 40 km/h nei parchi nazionali. Mi raccomando di osservare sempre questi limiti in quanto gli animali sono ovunque anche se difficili da vedere, ma potreste trovarveli di fronte all’improvviso!

#5 siti informativi da tenere sotto controllo #ontheroad:
Spesso le strade sono chiuse dovute al fatto che ci sono frane o incendi soprattutto nelle zone di parchi e nella stagione estive. Tenete sempre monitorati i siti ufficiali prima di mettervi in viaggio i siti ufficiali delle strade che vi dicono eventuali strade alternative (noi a causa di una strada chiusa da whistler siamo dovuti tornare a vancouver per poter raggiungere kamloops allungando quindi di 1 ora e mezzo la strada.

Io ho usato questo: http://www.drivebc.ca/

#6 fare la spesa…e…dormire:
anche fare la spesa non è economico. Frutta e verdura si trova quasi sempre e il costo se la frutta è locale è abbastanza contenuto 1/2 kg di ciliegie infatti l’abbiamo trovato anche a 2,5 dollari canadesi, ma il resto è molto caro se paragonato ai nostri prezzi in Italia. Una scatola di cereali (quella da mettere nel latte/jogurt per intenderci)  costa quasi 9 dollari canadesi così come 1/2 kg di jugurt avrà circa lo stesso costo.

Calcolando che per uno chalet con uso cucina in un parco in genere chiedono 350 dollari canadesi a notte…fate voi i calcoli di quanto potreste spendere per uno chalet + cucina da soli.

Appurato che il Canada non è una meta a buon mercato (a meno che non vogliate dormire in macchina – utilitaria non minivan- e mangiare junk food o scatolette di fagioli (il tonno costa troppo), e che non sarete gli unici a volerlo visitare nei mesi più belli che vanno da Giugno a Settembre, preparatevi a spendere una bella somma al giorno per mangiare e dormire.

I costi non variano tanto da un posto all’altro ma la differenza la fa ovviamente il mese in cui andate e la posizione della struttura. Essendo in Canada a meno che non vogliate farvi 100 km per volta risparmiare qualcosa e poi spenderli in benzina perchè siete troppo lontani dalle principali attrazioni vi conviene stare o nei parchi o a pochi km fuori.

Per darvi un’idea, se provate anche da soli a cercare di prenotare su uno dei tanti aggregatori di prezzi e di prenotazioni, vi accorgerete che per i mesi di luglio e agosto le prenotazioni sono bloccate o che comunque i prezzi sono gli stessi mostrati dalle tariffe degli hotel/B&B etc..quindi non c’è molto scampo.

#7 Fare il bucato

A parte le grandi catene alberghiere che si possono trovare però principalmente a Vancouver, quasi nessuna struttura fa il servizio di loundry. vi diranno quindi di farvela da soli. Solitamente  le strutture hanno a disposizione una lavanderia interna con sia lavatrice che asciugatrice. Non dovrete fare altro che comprare i gettoni, detersivi e quant’altro vi serve per il vostro bucato, presso la reception della vostra sistemazione, e farvelo da soli.

Se la struttura non dovesse avere a disposizione lavatrice e asciugatrice, sicuramente vi consiglieranno di portarlo nella lavanderia più vicina.
Queste “self loundry” sono in genere anche dei bar/librerie che oltre a lavatrici e asciugatrici mettono a disposizione dei clienti anche una caffetteria, libri e wi-fi che aiutano ingannare l’attesa.

Il costo del bucato e dell’asciugatura va a peso, ma il sentirsi come in una vecchia pubblicità della Levis degli anni ’80 non ha prezzo (forse solo chi ha più di 35 anni  può capire :)).

#9 quando prenotare:
Non sarete gli unici a voler visitare la British Columbia tra luglio ed Agosto, molti posti sono bloccati anno su anno dalle agenzie turistiche e altri posti vengono prenotati con largo anticipo dai Canadesi e turisti stessi.
Io ho iniziato a prenotare a Dicembre il volo mentre a Gennaio a richiedere le prime conferme e vi assicuro che ho dovuto fare 3 cambi in quanto 3 strutture erano già complete.
Il mio consiglio è di prenotare non appena avete deciso di partire per non trovarvi di fronte ad un bel cartello #NoVacancy stanchi da una giornata di viaggio dopo aver percorso parecchi km di strada.

20180809_112635

6 pensieri riguardo “British Columbia: informazioni pratiche e curiosità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.